Amazzone ferita

Liliana Capraro 2013 china e pastelli

Liliana Capraro 2013 china e pastelli

Annunci

Immagine

Dreamtime Keeper

"Dreamtime Keeper", Liliana Capraro 2013

“Dreamtime Keeper”, Liliana Capraro 2013

Grifone

"Griffon" Liliana Capraro gennaio 2013, inchiostro di china e pastelli

“Grifone” Liliana Capraro gennaio 2013, inchiostro di china e pastelli

Diana

“Diana”, Liliana Capraro 2012, china e pastelli

fiabe: “la pancia piena” di Esopo

“la pancia piena” Liliana Capraro 2012, china, pastelli, cg

Da “la volpe con la pancia piena” di Esopo:

Una volpe affamata, vedendo nel cavo di una quercia del pane e della carne lasciativi da qualche pastore, vi entrò dentro e li mangiò. Ma quando ebbe la pancia piena, non riuscì più a venir fuori e prese a sospirare e a gemere. Un’altra volpe che passava per caso di là, udì i suoi lamenti e le si avvicinò, chiedendogliene il motivo. Quando seppe l’accaduto le disse: “E adesso tu resta lì, finché non sarai ritornata com’eri quando c’entrasti: così ne uscirai facilmente” .
Questa favola mostra che il tempo risolve le difficoltà.

amore materno

“Amore materno”, Liliana Capraro, 2011, pastelli, china e computer grafica

Ultimissima illustrazione realizzata in occasione dell’evento “Once Upon A Dream“,  che si è tenuto il 20 Aprile e si protrarrà per 2 settimane al Sgt. Pepper’s di Milano, e  al quale sono stata felicissima di partecipare di persona  perciò ringrazio l’organizzatrice Linda Ferrari ^^

manifesto per le città del vino 2011

"manifesto per le città del vino 2011", Liliana Capraro 2010, china e cg

Illustrazione realizzata per il concorso “manifesto delle città del vino 2011″…..ovviamente non scelta, mi accorgo ora tra l’altro che le scritte sono ben poco evidenti, mentre credo che avrebbero dovuto essere la parte più  “ad impatto”…

il battesimo di Piera Pony

"il battesimo di Piera Pony", Liliana Capraro 2011, china, pastelli e cg

Tempo fa affrontai per caso l’argomento “religione” con mio padre…..iniziammo da “la cresima”, passammo per “il battesimo” e non chiedetemi come….finimmo a “gli alieni”! Mio padre insisteva nel dire che non battezzando mio figlio (un giorno e semmai) avrei compiuto un gesto egoistico, perchè gli avrei negato la possibilità di entrare nel regno dei cieli, io dicevo il contrario, che battezzare un neonato è inutile perchè una volta cresciuto e consapevole, se avesse voluto, avrebbe potuto farlo tranquillamente, daltronde ci hanno detto che anche Gesù fu battezzato intorno ai 30 anni….quindi non capisco lo scandalo. Il vero scandalo sono le persone che battesimano i figli neonati più per paura del giudizio altrui, che per vera fede; il vero scandalo sono le persone che giudicano in base al loro breve e personalissimo metro di valutazione. Da cosa dovrebbe essere purificato un bambino appena affacciatosi in questo schifo di vita? Semmai meglio farlo dopo se il senso del battesimo è : purificazione…

Elle Ci

sulle spalle del male

Liliana Capraro "sulle spalle del male", 2010, chine, pastelli e cg

Questo è uno dei pochi disegni che non ho dovuto migliorare troppo al pc…i colori erano già belli luminosi nell’originale.

Il male è un’essere che s’impadronisce di chi non sa resistergli, e quando agisce porta via sulle sue spalle i trofei vinti con la violenza di cui si nutrirà per vivere e che gli serviranno per diventare più grande, più forte e più irresistibile: sguardi d’orrore per antipasto, polmoni compressi e soffocamento come primo, organi misti tumefatti e doloranti per secondo e per finire, una fitta tagliata di stomaco innaffiata da fiumi di sangue….

Elle Ci

cactuSmania

Liliana Capraro "cactuSmania", 2010, china, pastelli e cg

Che fastidio quella ciglia nell’occhio! E via a torturarselo……..e quel sassolino nella scarpa e le briciole nel letto allora? Cose insopportabili a cui dobbiamo provvedere all’istante per acquietarci, mentre sembriamo stranamente resistenti ai fastidi più grandi e addirittura impassibili a  quelli enormi…..un convivio rassegnato ormai. Ci vorrebbe la stessa smania e lo stesso ardore anche per risolvere le grandi difficoltà, ma la verità è che siamo troppo piccoli per farlo e perciò ci accaniamo sulle cose alla nostra portata……ma se nessuno ci prova a fare una cosa grande, significa che oltre ad essere “piccoli” siamo pure codardi.

Elle Ci

Voci precedenti più vecchie

Elle Ci

Liliana Capraro